mattina degli ultimi giorni di novembre

mattina degli ultimi giorni di novembre

20151129_110938
Inserisci una didascalia

Forse l’ho anche sognato,

ma stamattina luccicava il sole sui tetti,

e sotto file ordinate di coppi cosparsi di perla.

le case eran mute.

Un’impalpabile forza gentile era sparsa nell’aria,

le finestre raccoglievano l’ultimo sole d’autunno,

tutto era fintamente indifferente,

e dietro i vetri persone intente e distratte.

Sembrava di cogliere discorsi rimasti sospesi,

parole indecise,

l’attesa di un senso che includesse il mattino,

mentre fuori l’aria, intrisa di luce, interrogava,

ma la domanda era sepolta

sotto strati di finta meraviglia.

Forse stanotte, verso il mattino, ho sognato d’essere pittore,

e con un pennello appuntito

tracciavo arcobaleni di bianco.

 

Annunci

4 pensieri su “mattina degli ultimi giorni di novembre

  1. Nel reinterpretare il dialogo delle cose, oltre l’evidenza distratta, si apre il piacere di un’attesa senza oggetto. Che cosparge di buono.
    Buon dì di festa .marta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...